Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Social Network


Isciviti alla pagina Facebook dell'AISPS per aggiornamenti su sessualità, psicologia e benessere
di coppia

Ultimi argomenti
» Ansia da prestazione è problemi di erezione
Ven 17 Feb 2017 - 19:58 Da LucaB

» Perdita del desiderio verso mia moglie
Ven 17 Feb 2017 - 19:52 Da LucaB

» difficoltà di completare il rapporto
Mer 8 Feb 2017 - 21:44 Da Dario1

» Ragazzo omosessuale vivo problema di ruolo sessuale
Mer 8 Feb 2017 - 21:41 Da Dario1

» Rapporti anali ed emorroidi
Ven 9 Ott 2015 - 8:54 Da seryanna

» Mancanza di intesa sessuale nella coppia sposata
Dom 21 Giu 2015 - 23:58 Da Fabrizio

» Difficoltà la prima volta
Dom 21 Giu 2015 - 23:49 Da Fabrizio

» Nuovo rapporto e rapporto con le ex mogli
Mer 3 Giu 2015 - 0:28 Da Trazom50

» Ipersessualità
Dom 31 Mag 2015 - 20:53 Da Dan80

Febbraio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728     

Calendario Calendario

I postatori più attivi del mese
LucaB
 
Dario1
 
Fabrizio
 
Mary
 

Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condividi l'indirizzo di AISPS Roma - Forum di Sessuologia, Psicologia e Psicosomatica sul tuo sito sociale bookmarking

Statistiche
Abbiamo 615 membri registrati
L'ultimo utente registrato è LucaB

I nostri membri hanno inviato un totale di 322 messaggi in 153 argomenti

Anorgasmia e vaginismo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

090111

Messaggio 

Anorgasmia e vaginismo




Da circa 25 giorni sto frequentando una ragazza di 29 anni (non vergine) che mi piace parecchio. A capodanno ho dormito con lei e sono accadute alcune cose. Dopo baci e carezze ho avvertito la sua eccitazione e le ho chiesto di fare l' amore. Mi ha risposto: "ok, ma non preoccuparti se dovessi sanguinare anche copiosamente, mi è già successo e non è un problema!". Questa frase mi ha fatto riflettere ed ho notato subito il suo vaginismo non appena ho indossato il preservativo. Si è sigillata mentre un attimo prima sembrava rilassata e ben disposta. Ho subito desistito ed ho provato un rapporto orogenitale (ero solo io attivo). Ha sfiorato varie volte l' orgasmo (sono riuscito ad inserire la punta di un dito ed a verificare l' aumentare delle secrezioni e della "consistenza" sulla parte anteriore a ridosso dell' "entrata" della vagina), ma proprio quando sembrava esser lì lì per lasciarsi andare si ricontraeva e perdeva parte dell' eccitazione, dovendo poi "ricominciare da capo". Dopo circa 60' minuti ero esausto e per di più con la barba l' avevo irritata per cui ho sospeso ogni attività.
Le ho parlato e lei mi ha chiarito alcune cose:
La frase relativa al possibile sanguinamento l' ha detta perchè le è capitato in due precedenti occasioni di sanguinare facendo del sesso proprio a causa del suo Vaginismo (anche se lei non ha parlato di vaginismo ma semplicemente del fatto che non si dilatasse) e mi ha spiegato di non aver mai provato un orgasmo facendo del sesso, ma che per lei non era importante e andava bene così (mi è sembrato quasi che si volesse "$sacrificare" a far del sesso con me per farmi felice, quasi per non perdermi). Immagino che queste esperienze dolorose e sanguinolente abbiano probabilmente aggravato il suo vaginismo (o causato se prima non era tale). Inoltre le ho chiesto in merito al suo mancato orgasmo. Siamo molto in sintonia, per cui mi ha risposto sinceramente.
Non è sicura di aver mai provato un orgasmo e a tal proposito mi ha chiesto: "da cosa lo riconosco?" A me già questa sua domanda è sembrata una risposta. Inoltre le ho chiesto se si masturba e se quando si masturba riesce a raggiungere l' orgasmo. Mi ha detto che sì, si masturba, ma che non è sicura di raggiungerlo. Raggiunge elevati livelli di eccitazione e può continuare a toccarsi anche a lungo (mi ha rifatto la domanda su come riconoscere un orgasmo).
Io per quanto mi riguarda le ho espresso il mio totale appoggio nel provare a scoprire un orgasmo (mi sono offerto di non venire se non dopo esser riuscito a far venire anche lei).

Non sono un medico, ma un impiegato. Guardando su wikipedia mi sono venuti in mente i termini Anorgasmia e Vaginismo. Non so se sono dovuti a cause fisiche (la vagina sembrava reagire bene a stimoli tattili che non implicassero l' uso del pene, anche se con le dita non ci passava più di un dito solo) o a motivazioni psicologiche.

Ovviamente il primo passo è una visita ginicologica eventualmente seguita da una visita da un sessuologo o da uno pscioterapeuta (non so se sono le categorie corrette a cui fare riferimento).
Però il mio problema consiste nel poterle stare accanto durante questi controllo ed eventuali terapie. Non penso di poter resistete più di 4, forse 5 mesi in attesa. Cosa posso fare nel frattempo per agevolarla, per metterla a suo agio, per avvicinarci insieme a questo problema?
Avrebbe senso se mi mettessi alle sue spalle abbracciandola mentre lei davanti allo specchio inizia piano a toccarsi, ad esplorarsi, a guardare con lo specchio come il suo corpo risponde alla sua stimolazione, come la sua vagina si contrae mentre lei stessa prova a infilarci un dito? Potrei forse provare io a stimolarla accarezzandola con la mano (senza infilare nulla per non farla agitare) e magari stimolandole il clitoride con l' uso di un vibratore che non faccia paura (come ad esempio l' anello della durex)?

insomma, come posso fare per rimanerle vicino ed eventualmente aiutare una possibile terapia? cosa posso fare per esser sicuro che si tratta di un problema e non di una mia errata interpretazione di una situazione fortuita?

Vi ringrazio per l' aiuto e per il tempo dedicatomi.

Vogelfrei80

Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 09.01.11

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Condividere questo articolo su : Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

Anorgasmia e vaginismo :: Commenti

Messaggio il Gio 10 Mar 2011 - 11:12  Fabrizio

Ciao Vogelfrei, la tua domanda sembra rivolta a professionisti mentre questo è un forum di auto-aiuto tra utenti, i sessuologi rispondono per e-mail tramite il servizio che trovi sul sito dell'associazione.
Quindi la premessa è che ne so meno di te ma le tue interpretazioni mi sembrano non fare una piega.
Penso che questa ragazza abbia anche incontrato uomini sgagliati o inesperti mentre il tuo atteggiamento sensibile e attento potrà fare la differenza, mi complimento anzi per quanto hai fatto e pensato, sinceramente io immagino che mi sarei bloccato e basta per questa faccenda del sanguinamento copioso.
Un ginecologo e un sessuologo mi sembrano la cosa da fare, magari se lei è d'accordo accompagnala tu perche potresti essere più lucido nel descrivere quello che hai osservato.
Ancora complimenti, non mollare e facci sapere...
Fab

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Gio 8 Set 2011 - 11:13  Fabrizio

Ciao, la consulenza con i sessuologi puoi richiederla attraverso il form sul sito www.aisps.net
Un saluto e in bocca al lupo.

Fab

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum